Sangiovese – many forms, many places

Italiano: il Sangiovese

Tuscany in general and the Maremma in particular are predominantly red wine areas.  There are good whites made, the very occasional exceptional one, but the reds predominate, both in terms of quality and quantity.  Similarly, while a range of red/black grapes are grown, with varying degrees of success, the most important is Sangiovese.

IMG_5487The grape is grown all over central Italy – in Emilia-Romagna, the Marche and throughout Tuscany.  In fact, at around 40,000 hectares it accounts for about 2/3rds of all land under vine in Tuscany (Belfrage, Finest Wines p. 24)  But to say ‘Sangiovese’ is only the beginning of the matter as the name really refers to a group of closely related types and clones, rather than to a single variety (at least according to some authorities).  Sangiovese is so variable that it vital to get good stock and, and as is beginning to be discovered,  to get the right type for the particular soil in which it is to be grown.

The grape’s, and the resultant wines’, variability were well illustrated for me at a tasting at one of the Baroncini farms near San Gimignano in October 2006.  Baroncini is quite a big group with vineyards all over Tuscany and in the course of five glasses one could compare directly the Sangiovese based styles of Chianti, Chianti riserva, Montalcino, Montepulciano and Morellino di Scansano.  The wines were not of the highest quality but it was very instructive as some of the wines also bear the name of the grape in its local version. The following are most important names of Sangiovese in Tuscany, followed by the name of the wine of which Sangiovese is the biggest part, which often includes a geographical area:

Local name of Sangiovese Name of wine and area
Sangiovese Main component of Chianti
Brunello Brunello di Montalcino
Prugnolo Gentile Vino Nobile di Montepulciano
Morellino Morellino di Scansano

There are other local names of course, perhaps the most widely encountered being the easily spotted, Sangioveto. What underlies this wealth of local names is the sheer variability of Sangiovese.

The debate about the origin of Sangiovese and its antiquity, or otherwise, continues to rage, though it now has suddenly gone off in a new direction, following the work of the men and no doubt IMG_0196 some women in white coats at the prestigious Istituto Agrario di San Michele all’Adige, in Trentino, northern Italy.  Having long been regarded as indigenous to Tuscany or at least central Italy, presumably on the grounds that it is what every one has always grown there, Jose Vouillamoz argues that DNA analysis shows that it is in fact a cross between Ciliegiolo (for the same reasons thought to be Tuscan in origin) and an obscure grape, grown in Campania but thought to have originated in Calabria, the previously unheralded Calabrese di Montenuovo.  However, this is now contested by a University of Florence study led by Maurizio Boselli (2007). This team thinks that Sangiovese’s parents have disappeared in the mists of time or are so obscure that they did not show up in a much larger test group. Further the origins of Sangiovese are in Italy’s south, Calabria or Sicily, with close kinship with the Gaglioppo and Nerello Mascalese varieties (which intuitively sounds – or should that be – tastes right). Ciliegiolo they argue is a descendant of Sangiovese, not the other way around. If this debate is anything like the one that leads to scientific plant names changing every decade or so (or so it feels to the amateur), we should perhaps not regard this as the last word, fascinating though it is.  (See Belfrage Finest Wines, pp 24-6 and O’Keefe, Brunello di Montalcino, p. 22. A yet more up-to-date summary and analysis of the strengths and weaknesses of the arguments of the two camps can now be found in Ian d’Agata, Italian native grapes, 2013, pp. 428-30.)

More generally, Oz Clarke and Margaret Rand and now, Ian d’Agata, bring together the key points about this variety:

  • it is both demanding and inconsistent: it can produce light, juicy wines and big complex ones.  As an early budder and late ripener, it requires a warm climate and the best sites.  As a result, only 10% of the Chianti area (I assume they mean hilly Classico area)  is under vines, with best results on south and south-west facing slopes and between 100 and 550m of altitude.  It ripens better in warmer, more southerly Montalcino and of course in the Maremma where a hotter climate and shorter growing season produces a richer, broader outcome, but where too much alcohol and too little aroma can be a problem.
  • best results are on friable, shaley soils (Chianti’s galestro) or limestone, but it is reasonably successful on clay.  There is no comment on the vast variety of Maremman soils.
  • it’s a vigorous variety which needs to be kept in check but overly dense planting leads to shading of the vines and problems of under-ripeness. 5,000 – 7,000 plants per hectare may be an optimum, compared to the traditional 2,700 in the past.
  • it needs far more attention than French varieties – more cluster thinning, more selection, more canopy management
  • yields need to be quite low in Tuscany to maintain quality, eg 1.5 kg of fruit per plant (10.5 tonnes per hectare if planted at 7,000 vines per hectare)
  • if not well grown the resulting wine can be rather pale in colour, lack fruit but still have high tannins and acidity.  This led to the (illegal) practice of adding a good dose of deeper coloured and fruitier wine from warmer Southern Italy in the mix.  (There were endless stories about the number of wine tankers to be seen making their way up from Puglia by night …)
  • good examples have the classic sour cherry and herb combination, ‘bitter cherries and violets, with a certain tomatoey savouriness to the fruit, definite rasp of herbs and  tea-like finish. Acidity is high and so is tannin: upfront fruit flavours are not the be-all and end-all of traditional Tuscan reds’ (Grapes and wines, p. 216)

Sangiovese in the Maremma

In broad agreement, Giancarlo Scalabrelli says that ‘Sangiovese’ is in general a population of varied individuals which embraces a range of territories.   The sangiovese e favino fine marzovariability of the grape in the past was not due to direct human intervention.  For example, in the Scansano area, on which this author is commenting, very little new genetic material was introduced in the two centuries before 1980 –  in fact only the variety known as Alicante.  Despite this stability there are around 30 ‘biotypes’ of Morellino (ie Sangiovese) in the Scansano area alone.  Unlike the more famous areas of Chianti Classico, Montalcino, Montepulciano or even the Pisan hills, very little work has been done to evaluate the various types of Sangiovese in Scansano (Un vino di Maremma, p. 111). No doubt this last assertion would be even truer in the rest of the Maremma.  Thus you have a picture of relative isolation on the one hand and then suddenly, from 1990 onwards, with the new investment in the Maremma, the introduction of many grape varieties and types of Sangiovese, before much work could be done on the the local types which had flourished or otherwise in the Maremma.  Until further research is done, all the grower can do is experiment with matching types of Sangiovese to the various types of sites available to them.

What is generally clear, however, is that Sangiovese based wines in the Maremma are generally fruitier, rounder and less astringent and acidic than classic Chianti and less structured than Brunello.  The success of Morellino in particular is based on its slightly new world character.  It has good fruit, is accessible and can be and mainly should be enjoyed when young.  But it comes with the characteristic acidic, tannic and herby edge which is so typically Tuscan and Italian wines.  In many ways it is a good style of Sangiovese for our times.

Next: Maremma South – Pitigliano, Scansano and Argentario coast

Page created February 2010; updated August 2012 and July 2015

Il Sangiovese: molte forme, molti luoghi

La Toscana, e in particolare la Maremma, sono aree per lo più del vino rosso. Qui vengono fatti anche alcuni discreti vini bianchi, di rado vini di occasione, ma prevalgono i rossi sia in termini di qualità che di quantità. Per questo, sebbene vengano cresciute diverse varietà di uva rossa/nera con vari gradi di successo, la più importante è l’uva Sangiovese.

Sangiovese Il vitigno viene coltivato in tutto il centro Italia: in Emilia-Romagna, nelle Marche e nell’intera Toscana. In effetti, con 40.000 ettari circa di estensione, esso copre pressoché i due terzi del terreno coltivato a vigneto in Toscana (Belfrage, Finest Wines p. 24). Ma si fa presto a dire ‘Sangiovese’: in realtà il nome si riferisce a tipi e cloni di vino molto simili e non a una singola varietà (almeno secondo alcune autorità). Il Sangiovese è variabile a tal punto che è fondamentale  scegliere portainnesti di qualità e, grazie all’analisi del terreno, quello adatto al suolo in cui il vigneto sarà coltivato.

La variabilità dell’uva e dei vini risultanti è stata ben illustrata in occasione di una degustazione presso una delle fattorie di Baroncini vicino a San Gimignano nell’ottobre 2006. Baroncini è  un’azienda piuttosto grande che coltiva vigneti in tutta la Toscana. Con cinque sorsi si possono paragonare direttamente gli stili basati sul Sangiovese: il Chianti, il Chianti Riserva, il Montalcino, il Montepulciano e il Morellino di Scansano. Non erano della migliore qualità; tuttavia è stato molto istruttivo, perché alcuni vini portano il nome locale del vitigno. I seguenti sono i vini di Sangiovese più importanti della Toscana; sono seguiti dalla denominazione dei vini nei quali il Sangiovese è contenuto in misura maggiore, che include spesso un nome geografico:

nome locale del Sangiovese Nome del vino e la zona
Sangiovese Componente principale del Chianti
Brunello Brunello di Montalcino
Prugnolo Gentile Vino Nobile di Montepulciano
Morellino Morellino di Scansano

Ovviamente ci sono altri nomi locali, ma il più diffuso – poichè mette in risalto l’uva di origine – è  forse il Sangioveto. Alla base di questa ricchezza di nomi vi è l’assoluta variabilità delvineyard Sangiovese.

Il dibattito sull’origine del Sangiovese e sulla sua antichità (o meno) continua a essere vivo, anche se adesso sembra avere preso all’improvviso un’altra direzione, quella degli uomini e di certo delle donne in camice bianco che lavorano presso il prestigioso Istituto Agrario di San Michele all’Adige, in Trentino. Da molto tempo, il Sangiovese è considerato originario della Toscana o almeno del centro Italia, si presume perchè è ciò che vi è sempre stato coltivato. Difatti l’analisi del DNA pare dimostrare che il Sangiovese sia un incrocio tra il Ciliegiolo (per le stesse ragioni per cui si pensa sia di origine toscana) e  il Calabrese di Montenuovo, un misterioso vitigno, in passato sottostimato, che veniva coltivato in Campania, ma che si pensa abbia avuto origine in Calabria. Se questo dibattito non porta che ai nomi scientifici delle piante, che cambiano ogni circa dieci anni (almeno così pensa il dilettante), forse non dovrebbe essere, per quanto affascinante, l’ultima parola. Non è ancora chiaro se questo incrocio sia antico o relativamente moderno. (vedi Belfrage, Finest Wines p. 24-6)

Più in generale, Oz Clarke e Margaret Rand fanno il punto su questa varietà:

  • È esigente e incoerente al tempo stesso: può produrre vini leggeri e succosi, ma anche vini grandi e complessi. Essendo un vitigno che fiorisce precoce e matura tardivo, necessita di un clima caldo e dei siti migliori. Di conseguenza, soltanto il 10% della zona del Chianti (suppongo che si riferiscano alla zona collinare del Chianti Classico) è coltivato a vitigno, con i risultati migliori sui versanti sud e sud-ovest e a un’altitudine tra i 100 e i 550 m. Matura meglio a sud, nella più calda Montalcino, e chiaramente in Maremma, dove il clima mite e la stagione di crescita più breve producono risultati più ricchi e ampi,  sebbene talvolta la quantità eccessiva di alcol e l’aroma modesto costituiscano un problema.
  • I risultati migliori si ottengono dal terreno friabile, scistoso (il galestro di Chianti) o calcareo, ma anche quello argilloso porta a buoni risultati. Non vi è menzione sulla grande varietà di terreni maremmani.
  • È una varietà vigorosa che va tenuta sotto controllo, e la densità d’impianto troppo elevata causa eccessiva ombratura e sotto maturazione. 5.000 – 7.000 piante per ettaro sono la soluzione ottimale in confronto alle 2.700 piantate per tradizione in passato.
  • Ha bisogno di più attenzioni rispetto alle varietà francesi: maggiore diradamento, selezione, più cura del fogliame.
  • In Toscana, la produzione va tenuta piuttosto bassa per garantire la qualità, per esempio 1,5 kg di frutto a pianta (10,5 tonnellate per ettaro se la densità è di 7000 ceppi per ettaro)
  • Se il vitigno non viene coltivato bene, il vino risultante sarà di un colore pallido e privo di gusto fruttato, ma avrà un alto livello di acidità e tannini. Questo ha portato alla pratica (illegale) di aggiungervi una buona dose di vino dal colore profondo e fruttato proveniente dal più caldo Mezzogiorno. (Ci sono innumerevoli storie sul numero di camion carichi di vino visti arrivare di notte dalla Puglia…)
  • Buoni esempi di vino basati sul Sangiovese presentano la classica combinazione pungente di amarena ed erbe, ‘ciliegie amare e viole, con una sapidità che ricorda quella del pomodoro, distinti aromi erbacei e finale di tè. Il contenuto di acidità è elevato come anche quello di tannini: il sapore fruttato non è l’aspetto caratterizzante dei tradizionali vini rossi toscani.’ (Grapes and wines, p. 216)

Il Sangiovese in Maremma

sangiovese e favino fine marzoAmpiamente d’accordo è Giancarlo Scalabrelli, secondo cui il Sangiovese è ‘una popolazione di individui molto disomogenea che abbraccia una varietà di territori’. In passato, la variabilità del vitigno non era dovuta al diretto intervento umano. Ad esempio, pochissimo materiale genetico nuovo è stato introdotto nei due secoli antecedenti al 1980 nella zona di Scansano, della quale parla questo autore: di fatto soltanto la varietà nota come Alicante. Malgrado questa stabilità, ci sono circa 30 ‘biotipi’ di Morellino (cioè il nome locale del Sangiovese) solo nella zona di Scansano. A differenza delle più famose aree del Chianti Classico, del Montalcino, del Montepulciano e delle colline pisane, a Scansano non è stato fatto molto per valutare i vari tipi di Sangiovese (Un vino di Maremma, p. 111). E quest’ ultima affermazione è senza dubbio ancora più vera per il resto della Maremma. In questo modo, dapprima si assiste a un relativo isolamento, poi all’improvviso, dal 1990 in poi, all’introduzione di molti tipi di uva e di Sangiovese grazie a nuovi investimenti in Maremma, prima che molto lavoro venisse impiegato sulle varietà locali fiorite o meno in Maremma. Fino a quando non saranno effettuate ulteriori ricerche, tutto ciò che il coltivatore può fare è sperimentare le tipologie di Sangiovese che meglio si addicono ai siti a sua disposizione.

Ciò che è chiaro, tuttavia, è che i vini di Sangiovese prodotti in Maremma sono in genere fruttati, più rotondi,  meno astringenti e acidi del Chianti Classico, e anche meno strutturati rispetto al Brunello. Il successo del Morellino, in particolare, è dovuto al suo carattere che ricorda un po’ i vini del nuovo mondo. Ha frutto buono, è accessibile e può essere, anzi, va bevuto giovane. Si contraddistingue per la caratteristica acidità e per il gusto tannico e erbaceo così tipici dei vini toscani e italiani. Sotto molti aspetti si tratta di uno stile di vino conforme ai nostri tempi.

Next: Maremma sud – Pitigliano, Scansano e la costa dell’Argentario

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply