The wine styles

Italiano: stili di vino

A typical well-established Maremma wine producer will have a range of 5 or 6 wines:

  • white blend: Trebbiano plus Vermentino, Chardonnay, Viognier etc
  • varietal white: Vermentino or Ansonica
  • young red: Sangiovese made for quick drinking, refreshing, undemanding
  • quality red: usually Sangiovese but made for greater depth of flavour and short-term ageing
  • top red: either Sangiovese based or Merlot/Cabernet/Syrah, big structured wines, from older vines, often drunk fairly young but can be aged;
  • sweet wines: wines made from partially dried grapes (passiti), Aleatico (sweet red), Vin Santo

IMG_5908

Increasingly, they will also have a rosé, or should we say, rosato.  Actually the Italians will probably use the former.

This section on wine styles will feature some wonderful, often smaller wineries, so typical of the area.  As not everyone will get a mention in the ‘key wineries’ section, it’s a pleasure to mention some other wineries here.

Links to featured wineries:

White blend

Historically this would have been made from Trebbiano and Malvasia grapes, producing wines of either virtually nil character to a mildly grassy, slightly herbaceous quality.  In the Southern Maremma, the tufaceous rock can produce wine of real character – sharp and edgy, for example at Sassotondo.

In northern Maremma everybody has decided that Trebbiano plus Vermentino is a better bet (eg  Tenuta del Fontino).  This is a shame – surely someone has got to set themselve the goal of creating a top quality, age-worthy, traditional white.  The traditional blends do exist as sfuso and in bottle.  Although I have been to the Serraiola and Moris wineries several times (and tasted the wines many times), I have never been offered ‘Il Serraiola’, a Treb/Malvasia blend, or Moris’ ‘Santa Chiara’.  So the quality producers are making the traditional white blend for local sales and putting all their efforts in to modern blends or single variety whites.

Varietal white

Vermentino at Serraiola

Vermentino at Serraiola

Much more exciting and available are good whites made of either Vermentino (inland) or Ansonica (coastal southern Maremma).  Vermentino can have a lovely lemony character, excellent mouth feel and, occasionally, real structure (Serraiola, Moris Farms, Antinori’s Bolgheri estate of Guado al Tasso respectively).  Although in the Maremma, it’s good to very good, it doesn’t quite reach the heights of some examples from the Ligurian coast or Sardinia.  But there is no doubt that it is the currently the first choice for quality white in the Maremma.

Ansonica is the same grape as Sicily’s Inzolia, so in the Southern Maremma it can cope with the heat.  It has a freshness and acidity to go well with the predominantly seafood cuisine of the area.   I have relatively few tasting notes for it: a good Ansonica/ Vermentino blend from Poggio Argentiera; a rather disappointing example from La Parrina (‘slightly oily texture, nice if modest fruit’); a very cheap version from the Cantina di Capalbio (leads with acidity, fair).  It would be good to get back to this area and have a proper search.

Young red

Italians love young, fresh wines.   Even the top wines they sell and drink young and so it is no surprise to find some emphasis on good value, young wines, fermented in stainless steel and matured briefly in large, inert containers, and released onto the market.  These bottles zing with life and are purply-red in the glass.  Much of it is sold as sfuso, open wine, which you collect in demijohns and pay €1.50 a litre.  If it’s a better quality it is bottled but you still expect to drink it within 18 months or so.

Poggio Trevvalle – organic reds


The very first winery we visited under our own steam had a great example of this.  Umberto and Bernardino came from the south of Italy to Arcille (just in the Scansano DOCG but bordering the Montecucco DOC) in the 1998 to set up Poggio Trevvalle.  They have farmed organically from the first and in their functional winery they produce four reds, all Sangiovese based, and now a rosé.  Bernardo explained that the first wine Santippe (€5) is made as an aperitivo or a picnic wine for the beach – chill it and enjoy the fresh, fruity nose and typical Sangiovese acidity … sounds good to me.
Some wine regions have a novello category, a bit like the ill-fated Beaujolais nouveau, which takes the same idea to an extreme.  Make wine, clarify it, release it in November, drink it.  The idea would be more popular if you were heading into summer and toward the beach, not winter and the big dishes of Tuscan wild boar. For this you need either of the next two categories.

Quality red

Morellino in the glass

Morellino in the glass

For me, this is really the heartland of the Maremman wine scene: big, warm climate wines, full of the flavours of cherries and some pluminess, but with a good rasp of tannin and great counter balancing acidity which cleanses the palate.  This is the Maremman take on Sangiovese, the most important indigenous grape variety in Tuscany.  Just to keep us on our toes, Sangiovese is called Morellino in the Scansano area.  So ‘Morellino di Scansano’ simply means ‘Sangiovese from this particular part of the Southern Maremma’.

In the vineyard, the producer will choose established vines for the quality red wine and in the winery the fermenting must will be kept on the skins for 10-15 days, extracting colour and tannin.  After some time to clarify the wines, the wine may then be matured in oak barrels (often smaller French barriques, though usually a mixture of old and new) for six to twelve months, and be given six months in bottles before being released.  These wines are extremely good value for the quality – €6-14 in Italy.

The Trevvalle version of this wine style is the straight Morellino di Scansano DOCG (12 months in used barriques).  It had a bright, lively nose of red and black fruit, with some tobacco and balsamic notes, and great acidity to balance the fruit.   Available in the UK from the Wine Society is Podere 414’s Morellino di Scansano, an excellent if slightly atypical wine – lovely lively red, great nose of ripe fruit, very rounded in the mouth (due no doubt in part to the 14.5% alcohol), very good.  They go to great lengths to extract every last drop of flavour – low intervention in vineyard and winery; carbonic maceration; partially drying of the small proportion of Alicante grapes in the mix.  See the full write up on the Scansano pages.

Top red – Sangiovese or international

Rocca's range

Rocca's range

This is a vital category for Maremman or any other producer because these are the wines that will make the name of the winery and win prizes.  The prestige of the winery depends on this – even though for most people, it’s the quality/price ratio of the ‘quality red’ (above) which will really matter.  The difference here is low yields in the vineyard, concentrating the flavours; a year of ageing in wood (usually a mix of new and used barriques, occasionally in large oak barrels), and a slightly later release date.  Because of the great fruit flavours these wines can be drunk from release, let’s say two years after the harvest but can also develop in the bottle.

For their top wine, Larcille, named after the village, the Valle brothers at Poggio Trevvalle use the best Sangiovese grapes.  The wine is matured in the traditional manner for twelve months  in large botti, 3000 litre barrels of Slavonian oak. The use of botti indicates that in maturing the wine they are looking for slow transformation of fruit flavours, not the vanilla of new oak.  The Larcille (was €18 in 2007) smells of frutti di bosco (so dark cherries, blackberries and blackcurrants,) pepper and spices, very rounded in the mouth, powerful, refreshing acidity, good persistence.   Excellent.

Some growers will go for a Sangiovese blend for their top wine – Moris Farm’s Avvoltore would be a good example, Sangiovese 75%, Cabernet Sauvignon 20%, Syrah 5%.  Many will go for an international blend or occasionally a single French grape variety.   Thus Serraiola’s top wine, Campo Montecristo is basically Merlot, with some Syrah and Sangiovese, macerated for 21 days, one year in Allier barriques.   Of course in Bolgheri and nearby, the wines are basically made from French varieties (Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot) with the benefit of Italian sun and soil.  A few wineries will also have a top wine based on another Tuscan grape, eg Sassotondo’s San Lorenzo is 100% Ciliegiolo.

Sweet wines

Traditionally, there are two sweet wines in the area:
Aleatico – a red grape and wine, usually made into a dessert wine by the passito method, ie you allow the grapes to dry out after the harvest and make wine from the shrivelled grapes. It’s sweet and rose scented … Aleatico dell’Elba Passito has (apparently) now been awarded DOCG status.  A few main land wineries are also trying it, eg Bulichella.    Locally you will also find passiti made from the Ansonica grape or even Muscat.

Vin Santo – the Tuscan classic, also made from semi-dried grapes, hung up or laid out for three months to dry out, then vinified, then matured for an indeterminate number of years in small barrels in a range of types of wood.  Here the otherwise dull white grapes of Trebbiano and Malvasia come into their own with their high acidity and capacity for genteel oxidisation.  Red versions also made (Eye of the partridge, Occhio di pernice, from Sangiovese, often ludicrously expensive).

The Maremma is not really a hot-bed of Vin Santo making (traditionally the small barrels were kept in the roof to be exposed to the heat and cold as the seasons changed); but here and there you will find examples.  In our experience, the Vin Santo is very much a speciality of the lady of the house, or at least named after her – it’s a residual part of the traditional, domestic economy, though of course commercial versions are made. Good examples are dense and complex, nutty, slightly marmaladely, good acidity.  Beware the cheap version in tourist shops and in restaurants … like cheap Champagne, all they do is to give the real, highly individual wine a bad name.   Search out the real thing and be prepared to pay a bit more for it; a huge amount of work has gone into it.

Fattoria Santa Maria – making Vin Santo

The Vin Santo at Fattoria Santa Maria, Montescudaio is excellent: rich, sweet and nutty and an amazing bargain at €12.50.  It’s very much Lucia D’Antillio Bacci’s labour of love.

Completely different in concept is Le Pupille’s Solalto.  A table wine made from botrytised Traminer, Sauvignon and Semillon grapes:  pure gold in the glass, intense honey, fruit notes, a little oxidized but beautifully balanced, lingering sweetness, very good.

Next:  From the Etruscans to today: 2500 years of wine in the Maremma

Stili di vino in Maremma


In Maremma, un’azienda vitivinicola consolidata avrà in genere un assortimento di 5 o 6 vini:

  • l’uvaggio bianco: Trebbiano aggiunto a Vermentino, Chardonnay o Viognier;
  • il bianco varietale: Vermentino o Ansonica;
  • il rosso giovane: il Sangiovese bevuto giovane, rinfrescante e poco impegnativo;
  • il rosso di qualità: di solito il Sangiovese, ma con una maggiore profondità di sapore e invecchiato per breve tempo;
  • il rosso top: sia Sangiovese che Merlot, Cabernet o Syrah, grandi vini strutturati, fatti dai vitigni più vecchi, spesso bevuti abbastanza giovani, ma anche invecchiati;
  • i vini dolci: vini fatti da uve in parte appassite (i Passiti), dall’Aleatico (un rosso dolce) o dal Vin Santo

IMG_5908

È sempre più probabile che abbia anche un rosé o – dovremmo dire – un rosato. In realtà gli italiani useranno di frequente il primo termine.
Questa sezione sugli stili di vino darà risalto ad alcune cantine minori ma ottime, molto tipiche della zona. Dato che non tutte saranno menzione nella sezione “cantine chiave”, è un piacere parlare di alcune qui.
Clicca qui per le cantine:

  • Poggio Trevvalle: rossi dell’uva biologica
  • Fattoria Santa Maria: produzione del Vin Santo

L’uvaggio bianco

Storicamente, questo sarebbe stato fatto dai vitigni Trebbiano e Malvasia, da cui si ottengono vini senza carattere oppure vini con lievi aromi di prato, di qualità leggermente erbacea. Nella Maremma meridionale, a Sassotondo per esempio, la roccia tufacea può produrre un vino di carattere, affilato e tagliente. Nel nord della Maremma, hanno deciso che il Trebbiano unito al Vermentino è una scommessa migliore (ad esempio, nella Tenuta del Fontino). È un peccato: sicuramente qualcuno si è prefisso l’obbiettivo di creare un vino bianco tradizionale di qualità superiore che valga la pena di invecchiare. I blend tradizionali esistono come vino sfuso o in bottiglia. Nonostante abbia visitato le cantine di Serraiola e di Moris diverse volte – e diverse volte ne abbia degustato i vini – non mi è stato mai offerto il Serraiola, una miscela di Trebbiano e Malvasia, né il Santa Chiara di Moris. E così, i grandi produttori stanno producendo la tradizionale miscela bianca per le vendite locali e impiegando tutte le loro risorse per miscele moderne oppure vini bianchi fatti da un solo vitigno.

Il bianco varietale

Vermentino at Serraiola

Il vermentino di Serraiola

Molto più emozionanti e comuni sono i buoni vini bianchi fatti con uve Vermentino (nell’entroterra) o Ansonica (sulla costa sud della Maremma). Il Vermentino può avere un delizioso aroma di limone, un ottimo gusto e a volte una buona struttura (rispettivamente nelle aziende Serraiola, Moris Farms, Tenuta Guado al Tasso di Antinori a Bolgheri). Sebbene in Maremma la qualità possa variare da buona a ottima, essa non raggiunge le vette di esemplari provenienti dalla costa ligure o dalla Sardegna. Ma non c’è dubbio che in Maremma la prima scelta verta su un vino bianco di qualità.

L’Ansonica è l’uva Inzolia siciliana, pertanto nella Maremma meridionale può resistere al caldo. Ha una freschezza e un’acidità che si sposano bene con la cucina in prevalenza a base di pesce della zona. Ho relativamente pochi appunti sulla degustazione di questo vino: un buon blend di Ansonica e Vermentino di Poggio Argentiera, un esempio piuttosto deludente proveniente da “La Parrina” (consistenza leggermente oleosa, frutta buona ma modesta), una versione meno costosa nata nella Cantina di Capalbio (domina l’acidità, buono). Sarebbe bene tornare in questa zona e fare una ricerca adeguata.

Il rosso giovane

Gli italiani amano i vini giovani e freschi. Anche i vini di maggiore qualità vengono venduti e bevuti giovani, e per questa ragione non deve sorprendere che venga dato tanto spazio proprio ai vini giovani e a buon prezzo, quelli fermentati all’interno di contenitori in acciaio inossidabile, maturati per un breve periodo in altri di grandi dimensioni e in materiale inerte, e poi immessi sul mercato. Questi vini sono vigorosi e dinamici, di un colore rosso violaceo nel bicchiere. Molti vengono venduti come vino sfuso, in damigiana, a €1,50 al litro. Se il vino è di migliore qualità, viene imbottigliato, ma si aspettano circa 18 mesi prima di berlo.

Poggio Trevvalle – i rossi biologici

La prima azienda che abbiamo visitato senza una guida ci ha fornito un bell’esempio di questo modo di fare. Umberto e Bernardino sono arrivati dal Sud Italia ad Arcille (proprio nella terra dei vini DOCG di Scansano, al confine con quella dei DOC di Montecucco) nel 1998, per fondare Poggio Trevvalle. Sin dall’inizio si sono dedicati all’agricoltura biologica, e nella loro efficiente cantina producono quattro vini rossi basati sul Sangiovese e ora anche un rosé. Bernardo mi ha spiegato che il primo vino Santippe (5 €) è fatto per essere consumato come aperitivo o in occasione di un picnic in spiaggia; si mette al fresco e si gode l’acidità fresca e fruttata tipica del Sangiovese… Mi sembra proprio interessante.
Alcune regioni producono la categoria dei vini novelli, un po’ come lo sfortunato Beaujolais nouveau che porta l’idea di novello agli estremi. Fare vino, chiarirlo, metterlo sul mercato a novembre, berlo. Il concetto sarebbe più usuale se ci si avvicinasse all’estate e alla spiaggia, e non all’inverno e ai grandi piatti a base di cinghiale della cucina toscana. A questa carne è necessario abbinare una delle due prossime categorie.

Il rosso di qualità

Morellino in the glass

Il morellino nel bicchiere

Per me, questo è veramente il cuore della scena vinicola maremmana: grandi vini nati nel clima caldo, pieni di aromi di ciliegia e di susina, ma con una buona nota di tannini e una spiccata acidità controbilanciante che pulisce il palato. Questa è la versione maremmana del Sangiovese, la più importante varietà di uva autoctona della Toscana. Non dimentichiamo che il Sangiovese è chiamato Morellino nella zona di Scansano, così il “Morellino di Scansano” è semplicemente il Sangiovese di questa particolare zona della Maremma meridionale.

Nella vigna, il produttore sceglierà le viti invecchiate per fare i vini rossi di qualità, e in cantina il mosto in fermentazione sarà tenuto sulle bucce per 10-15 giorni per l’estrazione del colore e dei tannini. Dopo qualche tempo, è probabile che il vino, per essere chiarito, venga affinato in botti di rovere (spesso in piccole barrique francesi, anche se di solito vengono usate sia quelle vecchie che quelle nuove) per un periodo dai sei ai dodici mesi, e tenuto in bottiglia per mezzo anno prima di metterlo sul mercato. Questi vini hanno un rapporto qualità-prezzo molto conveniente: € 6 o 14 in Italia.
La versione Trevvalle di questo stile di vino è il normale Morellino di Scansano DOCG (12 mesi in barrique usate). Aveva un profumo brillante e vivace di frutta rossa e nera, con note balsamiche e di tabacco e una forte acidità che bilancia il gusto fruttato. Disponibile nel Regno Unito dalla Wine Society è il Morellino di Scansano del Podere 414, un vino eccellente ma un po’ atipico: rosso vivace, dall’intenso profumo di frutta matura, molto arrotondato in bocca (senza dubbio dovuto in parte al 14,5% di alcol ), molto buono. Ce la mettono tutta per estrarre fino all’ultima goccia di gusto – il meno possibile interventi in vigna e in cantina, macerazione carbonica, appassimento parziale di una piccola percentuale di uva Alicante.

Il rosso top – Sangiovese o internazionale

Rocca's range

la gamma di Rocca di Frassinello

Si tratta di una categoria vitale per i produttori della Maremma o di qualsiasi altra provenienza, perché sono questi i vini che faranno grande il nome della cantina e si aggiudicheranno i premi. Da questa categoria, quindi, dipende il prestigio della cantina, anche se per la maggior parte della gente è il rapporto qualità-prezzo del “rosso di qualità” (vedi sopra) a contare veramente. La differenza qui è resa minima dal vigneto dove si concentrano gli aromi; un anno di affinamento in botti di legno (di solito barrique nuove o usate, talvolta grandi botti di rovere) e una data di rilascio sul mercato poco successiva. Grazie ai vigorosi gusti fruttati, questi vini possono essere bevuti due anni dopo essere stati messi sul mercato, ma può anche svilupparsi in bottiglia.
Per il loro vino top, il Larcille (dal nome del paese), i fratelli Valle di Poggio Trevvalle utilizzano la migliore uva Sangiovese. Il vino viene maturato in maniera tradizionale per dodici mesi in botti di grandi dimensioni, quelle da 3000 litri in rovere di Slavonia. L’uso di queste botti indica che nella maturazione del vino si cerca la lenta trasformazione del gusto della frutta, non l’acquisizione del profumo di vaniglia del rovere nuovo. Il Larcille (costava €18 nel 2007) profuma di frutti di bosco (ciliegia scura, mora e ribes nero), di pepe e spezie, molto arrotondato in bocca, potente, acidità rinfrescante, buona persistenza. Eccellente.
Alcuni coltivatori sceglieranno un blend con il Sangiovese per il loro vino top: l’Avvoltore di Moris Farms ne è un buon esempio (75% Sangiovese, 20% Cabernet Sauvignon e 5% Syrah). Molti opteranno per un’uvaggio internazionale o a volte per una sola varietà di uva francese. Così il vino top di Serraiola, il Campo Montecristo, è per lo più fatto di uve Merlot, con un po’ di Syrah e Sangiovese, macerate per 21 giorni, un anno in barrique di Allier. Naturalmente a Bolgheri e nei dintorni, i vini sono ottenuti principalmente da varietà francesi (Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot) con il beneficio del sole e del suolo italiano. Poche cantine avranno un vino top basato su un altro vitigno toscano, per esempio il San Lorenzo di Sassotondo è fatto per il 100% di Ciliegiolo.

I vini dolci

Per tradizione, ci sono due vini dolci nella zona:

l’Aleatico: vino rosso fatto da uva rossa, concepito come vino da dessert con il metodo dell’appassimento. Si fanno asciugare le uve dopo il raccolto e il vino si ricava dalle uve avvizzite. É dolce e profuma di rose … All’Aleatico dell’Elba Passito non è stato (almeno in apparenza) concesso il prestigio di un marchio DOCG. Alcune aziende vinicole dell’entroterra ci stanno provando, ad esempio Bulichella. Nella zona si trovano anche passiti prodotti dalle uve Ansonica e Moscato.

Il Vin Santo: il classico toscano, ottenuto anche da uve semi-secche, appese o lasciate ad asciugare per tre mesi, poi vinificate e invecchiate per un numero indeterminato di anni all’interno di piccole botti in tipi diversi di legno. Con questo metodo di lavorazione, le uva bianche di Trebbiano e Malvasia, altrimenti insipide, acquisiscono una propria specificità grazie all’acidità elevata e alla signorile capacità di ossidazione. Vengono fatte anche versioni rosse (l’Occhio di Pernice, dal Sangiovese, spesso esageratamente costoso).

La Maremma non è una zona rinomata per la produzione di Vin Santo (secondo la tradizione, le piccole botti venivano tenute sotto il tetto per essere esposte al caldo e al freddo a seconda del cambiamento di stagione); tuttavia di tanto in tanto ne troverete alcuni esemplari. Durante la nostra esperienza, abbiamo constatato che il Vin Santo è più che altro una specialità della padrona di casa – o almeno porta il suo nome – un residuo della tradizione, dell’economia domestica, benchè ovviamente vengano prodotte anche delle versioni commerciali. Alcuni buoni esempi di Vin Santo sono densi e complessi, con aromi di nocciola e marmellata all’arancia e buona acidità. Attenzione alle versioni economiche nei negozi turistici e nei ristoranti modesti: come succede anche per lo Champagne, rovinano la reputazione di vini reali e altamente individuali. Cercate un vero Vin Santo e siate disposti a pagare un po’ di più, perché tanto lavoro è stato impiegato.

Fattoria Santa Maria – produzione del Vin Santo

Il Vin Santo della Fattoria Santa Maria, a Montescudaio, è eccellente – ricco, dolce e con aromi di nocciola – un grande affare a € 12.50. È frutto del lavoro appassionato e gratuito di Lucia D’Antillio Bacci.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply